Because the 9th Art is Serious Business!
L’anatomia dinamica yadda yadda… 2

Rieccoci di nuovo qui per la seconda parte dell’esperimento di ieri. Oggi sono riuscito (un pò in extremis) a farmi correggere il disegno da Silvano e devo ammettere di essere rimasto un pò stupito dal fatto che le posture, a quanto pareva, erano fondamentalmente corrette. In pratica l’unica cosa che mi ha corretto in questo disegno è, come si evince confrontando lo schizzo qui a fianco col disegno precedente, un problema di prospettiva.

In parole povere il Wannabe-Sephirot è alla stessa distanza dalla telecamera di Elisis, e questo può far pensare che lei spicchi il salto dalle sue spalle, cosa risolvibile ingrandendo Seph, avvicinandolo quindi alla macchina da presa (virtuale).

Siete in disaccordo? Avete altre teorie? Altre migliorie non considerate? Commentate!

Le cose interessanti in realtà sono arrivate correggendomi un altro disegno che ho fatto ieri sera e che non ho scansionato (sinceramente non ne ho voglia). Tra le regole speciali da seguire vi è quella di non mettere mai in posa i personaggi prendendoli perfettamente di profilo: il non utilizzare un minimo di prospettiva ammazza tantissimo la dinamicità delle pose. Seconda regola che ha spiegato mentre lo correggeva è quella di utilizzare capelli e vestiti in maniera strategica e a seconda delle tempistiche.

Poniamo caso che Elisis, come succede nel disegno che ha corretto, sia immortalata nell’istante in cui sta colpendo al volto un “truppino sacrificabile”. Avendolo colpito, lei ha incontrato un ostacolo e si è quindi fermata, ma cosa succede nel frattempo alle parti soggette a inerzia? Continuano a muoversi nella direzione precendente. Quindi non bisogna (come ho fatto) lasciare i capelli lunghi fluenti dietro alla schiena. I capelli verranno avanti, così come eventuali drappi dei vestiti. Un’altra regola che, se sfruttata come si deve, aiuta tantissimo a leggere i movimenti delle figure. Imparo, imparo, imparo, imparo…

One Response to L’anatomia dinamica yadda yadda… 2

  1. Bakke says:

    Anima, anima, anima!
    (Imperativo, non sostantivo, eh).