Because the 9th Art is Serious Business!
Shell Linux: le scorciatoie che non conoscevi

Dopo uno scambio di battute via sms con la Noe mi si è palesata l’idea di insegnarle alcuni comandi linux da shell. La cosa è abbastanza curiosa, visto quanto faccia pena io stesso nell’utilizzarla, ma questo mi ha spinto a prendere in mano il pesante manuale contenuto nella scatola di SuSE Linux 7.0 (Linuxone scatolato da vendita, in 6 cd, che ci fu regalato all’ITIS dal prof di informatica dell’altro corso… non ricordo il nome però. Forse Missiroli?) e all’interno ci ho trovato una serie di scorciatoie interessanti.

Le ho provate praticamente tutte con il terminale attuale e funzionano! Alcune fanno davvero delle cose che non mi sarei aspettato. Eccoli qui di seguito:

CTRL + U
Cancella l’intera riga che si sta scrivendo.

CTRL + K
Cancella tutto quello che sta a destra del cursore. Dannazione, quante volte lo utilizzerò ora!

CTRL + L
Pulisce lo schermo dalle scritte e riporta il cursore in alto. Esattamente come il comando “clear”, ma le informazioni non vengono eliminate, infatti si possono raggiungere con…

SHIFT + PagUp / PagDown
Va su e giù di una schermata intera del terminale.

SHIFT + freccia Su / freccia Giù
Come sopra ma soltanto di una riga.

CTRL + C
Famosissimo, uccide il processo che si sta svolgendo nella finestra di terminale.

CTRL + D
Chiude la finestra di terminale. In pratica scrive automaticamente “exit” e dà l’invio.

Questi qui di seguito, invece, sono i comandi più insoliti che ho trovato nella lista. Più che comandi li classificherei come delle vere e proprie utility per semplificarsi la vita, quasi alla stregua del tasto tab per completare il nome dei file o delle directory. Il secondo in particolare lo amo.

ALT + numero
Ripete una lettera n volte. Per esempio: tenendo premuto ALT scriviamo 200, rilasciamo ALT e premiamo il tasto g. A questo punto nel terminale ci troveremo la g ripetuta 200 volte.

CTRL + R
Questo è il reverse-i-search. In pratica ci basta scrivere parti di un comando dato in passato per vedercelo comparire a fianco. E’ decisamente utile, anche per gli utenti alle prime armi, perché cerca anche all’interno dei comandi. Se per esempio non mi ricordo come si lancia XAMPP, ma ricordo che nel comando c’era la parola “start”, mi basterà premere CTRL+R, scrivere start ed ecco che mi apparirà a fianco il buon “sudo /opt/lampp/lampp start”. Se non è apparso il comando giusto al primo tentativo basterà premere ancora CTRL+R per guardare gli altri comandi dati in passato.

Nel manuale è riportato anche un altro comando simpatico, che però non sembra funzionare in Ubuntu 10.04. Si tratta di CTRL + S che serve per bloccare la grafica della finestrella di terminale, permettendoci però di continuare a scrivere senza che nessuno veda cosa stiamo digitando. Per sbloccare il tutto bisognerà dare CTRL + Q. Sembra tuttavia che questa scorciatoia sia stata tolta. Peccato.

Qualcuno ne conosce degli altri? Segnalatemeli pure e li includerò nella lista!

5 Responses to Shell Linux: le scorciatoie che non conoscevi

  1. Funzionano quasi tutti anche su Mac OSX. ;)

  2. $ito says:

    Stra-utile!
    Tanti non li conoscevo, grazie! ^_^

  3. Bruno says:

    Wella il mitico “Missi” (Marcello Missiroli).nn mi ricodo se quel “paccone” lo uso da fermaporta o lo ho buttato :D, ma cmq a suo tempo lessi i manuali al suo interno ed erano … come dire … completi, anche troppo :p. Ho tenuto solo una documentazione accessoria da lui stesso redatta e rilegata.
    Devo dire che, in ogni caso, non mi ricordato di cotanti shortcut :o, bella li, un refresh fa sempre bene !!