Because the 9th Art is Serious Business!
Welcome to Mars

Dumping a couple more sketches from Instagram to keep things rolling here too. Another Saturday Night sketch of my character Firefox and, finally, the prep work of the first comic page done with my new Wacom Cintiq tablet. That thing is amazing, btw. I should have bought it ages ago!

Un post condiviso da Renato Gelmini (@rennymanjr) in data:

Un post condiviso da Renato Gelmini (@rennymanjr) in data:

Have fun and be positive!

Saturday & Sunday Sketches

Some more sketches posted on Instagram. The first one is an Assault Robot from my Firefox story. There’s something about its design that I don’t like but I can’t figure out what, so something’s going to change on it.

Un post condiviso da Renato Gelmini (@rennymanjr) in data:

Un post condiviso da Renato Gelmini (@rennymanjr) in data:

Un post condiviso da Renato Gelmini (@rennymanjr) in data:

How I modded my Gravis Gamepad Pro D-Pad

Some months ago I gave the Steam version of Giana Sisters: Twisted Dreams to my girlfriend as a present and I lent her my old Gravis Gamepad Pro USB to play it. I bought that gamepad in 1999 and I only used it to play a couple of emulated Playstation 1 games so I forgot that its D-Pad was absolutely terrible. That of course made an already difficult game even more difficult. She gave it back to me shortly after and restarted the game with keyboard controls to have a better score.

The Gravis Gamepad Pro USB

And that brings us to the present. Tekken 7 is being released on PC in less than 2 weeks and that Gravis Gamepad Pro is the only gamepad I own, along with a broken Playstation 2 dual shock controller. Yesterday night I decided to open them both to try to understand why that Gravis D-Pad is so damn inaccurate.

Taking a Look Inside

A quick comparison of the D-Pad designs made me clear why the Dual Shock directional arrows are performing so much better. The Dual Shock arrows are fused in a single piece that basically floats above a white plastic cross with a rounded bump in the center. (At least mine was white, some are grey like the one on the following pic)

That little piece of plastic is the key of its precision for two reasons: the bump allows the D-Pad to move freely while the diagonally placed X sticks are helping to ensure the D-Pad only presses one direction by slightly hampering your ability to press 2 directions at the same time. Of course you can still do it, “slightly” being the keyword here.

The Gravis D-pad is literally doing the opposite thing. Its arrow pad is just a single piece that directly pushes the conductive rubber sheet underneath. This D-Pad has a rounded bump too but it’s directed downward and ends up inside the central hole of the conductive rubber sheet, touching the circuit breadboard with its tip. (not exactly a beautiful design choice)

That’s the reason for the muddy feeling it has and the lack of any kind of mechanical constraints is why you end up doing left+up or right+down when you just want to do only left or right.

My Dual Shock controller was already broken anyway and using that Gravis Gamepad is just a nightmare that makes every game feel terrible and exhausting… so why not try to modify something? Keep reading: the results are way better than what I expected!

Knife Work

The idea is to take the cross from the Dual Shock and adapt the Gamepad Pro D-Pad to take advantage of it. To do this you’ll have to cut the bump at the bottom of the Gravis D-Pad almost completely, you should stop when you reach the same height of those prominent plastic crosses underneath the 4 directions. At that point you’ll find that the inside is empty except for another plastic “plus” that we need to remove too. Now smooth the surface the best you can and try to fit the Dual Shock cross in it.

You’ll find you have to cut a portion of those “arms” but I suggest you to just remove the tip. That way the portion that goes up will fit inside the D-Pad gaps and will help the cross to stay in its intended place. (I know, the gummy sheet underneath will keep it in place even better but every little bit counts! The less it will move around, the better.)

Now it’s time to tweak the D-Pad height and we’re going to take advantage of the thread in which you should have put that useless detachable joystick that you’ve probably broke the first time you tried it. Buy a threaded rod of the same size (any hardware store should have it), tighten it in until it touches the bump on the Dual Shock cross, do a couple more turns until you lift the cross about the same height it was on the Dual Shock D-Pad. Now put a mark on it, very close to the D-Pad, and cut it there. I even did an horizontal cut at the tip so I can use a screwdriver to put the thing in place.

And now it’s The Moment of Truth! Put the Gamepad Pro with its new cross back together and tighten the threaded rod inside the D-Pad. Tweak its height until your D-Pad feels awesome to press, you should even hear a distinct “tick tick” sound very reminiscent of arcade cabinet buttons, and fix its position with a drop of super glue if you’re afraid that your threaded rod won’t stay still.

From Zero to Hero

After a couple of hours of work on a sunday night this old gamepad is completely transformed. The D-Pad now has pinpoint precision, feels awesome to use and it seems like a very sturdy setup too. I realize that not everyone has a broken Dual Shock around but I’m sure you can come up with a similar shape with other materials. You’ll probably need to go through some trial and errors but this is the setup you should aim to have to make the whole thing better. Have fun!

Passare a Clip Studio Paint

Dopo tanto tempo ci voleva una scusa per rispolverare il blog e credo di averla trovata col mio nuovo acquisto di alcune settimane fa: Clip Studio Paint.

Molti lo conoscono col suo vecchio nome, Manga Studio, ma si tratta dello stesso programma. L’interesse era sbocciato l’anno scorso, nell’istante in cui ho provato i brush: la precisione e naturalezza dei pennelli di default era di una superiorità imbarazzante rispetto a Photoshop ma è solo dopo aver iniziato ad indagare a fondo sulle sue funzioni che ho deciso di abbandonare Adobe ed acquistarlo. Per l’esorbitante cifra di € 23! (era scontato al 60%)

Se i brush sensazionali non sono sufficienti a convincervi ecco qualche altra feature che ha convinto me e che, almeno per l’uso che ne fanno i fumettisti, lo rendono nettamente superiore a PS:

  • Layout delle pagine: quando si crea una nuova pagina oltre ad impostare la grandezza del foglio si possono impostare il limite delle vignette, l’abbondanza e tutta la baracca.
  • Creazione delle vignette: cliccando su New Layer -> Frame Border Folder comparirà una vignettona delle dimensioni massime che abbiamo impostato alla creazione del foglio. Poi, con lo stumento “Divide Frame Border” possiamo creare i canali orizzontali e verticali con un singolo click. In 20 secondi è tutto fatto. Se ripenso a Photoshop mi sale il nervoso.
  • Strumento per le Prospettive: Create Perspective Ruler vi consentirà di creare una sorta di guida per prospettive a 1, 2 o 3 punti di fuga. Ma la cosa più fantastica è che attivando la funzione Snap to Special Ruler le linee che traccerete seguiranno i punti di fuga! E’ una funzione pazzesca, vedere per credere.
  • “Converti in Ciano” istantaneo: hai scansionato/disegnato uno sketch e vuoi ricalcarlo in ciano? Basta un click sul pulsante Layer Color. Eccoti il livello convertito in ciano in maniera non distruttiva: un altro click sullo stesso pulsante e tornerà normale.
  • Rifletti orizzontalmente e verticalmente non distruttivo: puoi specchiare anche solo la visuale, senza specchiare realmente il documento, e continuare a disegnare e ruotare il foglio anche così.
  • Uso di RAM irrisorio: sto disegnando da diverse ore su di un documento B4 a 1200dpi con 4 livelli e il programma sta usando 890 MB di RAM! Lo stesso documento aperto in Photoshop occupa 1.745 MB di RAM. Clip Studio rimane comunque molto leggero e reattivo in ogni condizione, non l’ho ancora visto rallentare nemmeno una volta.

Ultimo bonus: avete presente quando in Photoshop passate ad un nuovo livello, tracciate una riga che non vi piace e l’Undo, oltre a cancellarla, vi riporta anche sul livello precedente? Ecco. Clip studio non lo fa! Addio ore di lavoro su un livello sbagliato!

Le mie impostazioni

Questa parte è, ovviamente, abbastanza personale ma non è detto che non possa essere utile ad altri. Avendo una tavoletta grafica con 8 pulsanti ho cercato di mappare quante più funzioni possibile su questi tasti ma non tutte erano pronte.

wacom

Per prima cosa, siccome l’inchiostrazione è la funzione che utilizzerò principalmente, ho cercato gli shortcut della rotazione della pagina, del reset della rotazione e del “flip horizontal”. (Da non confondere con quello che si trova nel menù Edit: quello specchia per davvero il documento!) La rotazione è impostata di default su Shift+Spazio ma è l’unica funzione già pronta delle tre. Se vogliamo anche le altre scorciatoie l’unico modo è farcele da soli.

Il menu per modificare le scorciatoie da tastiera è ovviamente File -> Shortcut Settings e le opzioni che ci interessano sono in View -> Rotate / Invert. Io ho scelto Shift+N per il reset della rotazione e Shift+M per il Flip Horizontal. Principalmente perché “M” fa tanto “Mirror”. E soprattutto perché entrambi gli shortcut non erano già in uso. :D

Un’altra opzione estremamente comoda è quella di passare dal colore di Foreground al colore di Background, che Clip Studio chiama Main Color e Sub Color. Per far questo in photoshop c’erano delle freccine accanto ai due colori, che qui mancano, e il tasto per scambiarli era la X. Lo shortcut è stato mantenuto anche in Manga Studio ma non fa ESATTAMENTE la stessa cosa.

main sub transparent

Se negli Shortcut Settings scegliamo Setting Area: Option e andiamo a vedere sotto Drawing Color scopriamo che la funzione a cui è assegnato X si chiama Switch Main Color and Sub Color. Tuttavia questa fuzione non fa altro che scegliere lo slot del colore main e sub in alternanza! Se vogliamo davvero scambiare i colori tra i due slot bisogna usare Switch Between Main Color and Sub Color appena più in basso. Traduzione infelice insomma.

switch main sub

Un’altra opzione interessante per noi gente del fumetto è l’uso del colore trasparente che, volendo, può rendere lo strumento gomma totalmente superfluo. Nello stesso menu ci sono diverse opzioni interessanti: possiamo decidere se passare dal nero al trasparente (Switch Between Main Color and Transparent Color), oppure ciclare tra nero, bianco e trasparente (Switch Between Main Color, Sub Color and Transparent Color).

Un Unico Problemino (Risolto!)

Qualche tempo dopo averlo iniziato ad usare estensivamente mi è capitato un problema col puntatore. In poche parole è come se le barre degli strumenti e l’area di disegno avessero due coordinate diverse. Si notava quando spostavo la penna dai menu al disegno: ricompariva in un punto diverso da quello in cui avrebbe dovuto essere con conseguenti gravi difficoltà nel cliccare pulsanti vicino al bordo.

La soluzione è nel menu File -> Preferences, sotto alla voce Tablet. Mettendo la spunta su Use Mouse Mode in setting of tablet driver ha risolto tutto. Spero possa essere utile!

Conclusione

Clip Studio Paint è dedicato ai disegnatori di fumetti. Per questo stravince sotto questo aspetto contro Photoshop. Le comodità da “fumettaro” che questo programma ci mette a portata di singoli click sono davvero tante e difficilmente ignorabili ma chi è abituato a fare grafica web o fotoritocco si ritroverà con alcune difficoltà o addirittura funzioni mancanti. La galleria di filtri ad esempio è molto limitata mentre sono presenti invece gli adjustment layers.

Personalmente credo che la vera forza di questo programma sia la gestione dei pennelli. Sono davvero troppo belli da usare! Questo è l’unico programma con cui sono riuscito a riprodurre lo stesso tratto che faccio su carta perciò per me è stata una grande vittoria.

In più c’è da dire che costa davvero poco, con soli 46 € lo comprerete per sempre ed avrete tutti gli aggiornamenti gratis (fino alla prossima major version). Rispetto ai quasi 300 euro all’anno dell’odioso noleggio di Photoshop CC mi sembra una spesa più che onesta.

Siamo alla Nona Puntata

Dopo una pausa di qualche mese ho deciso di far ripartire uWarfare, accorrete numerosi a leggere la nuova puntata! La pausa, come ho spiegato anche nel post di uW, è dovuta anche alla scarsa attività della community attorno al nuovo Unreal Tournament. Effettivamente fino ad ora era ancora un po’ troppo acerbo, ma adesso le cose stanno per cambiare!

uwarfare9_blog

Spero che la nuova puntata vi piaccia almeno quanto è piaciuto a me farla. Ma è troppo facile, quando ci sono i mostroni è sempre divertente.

uw9skaarj_blogAllego a questo post un paio di work in progress della puntata di oggi. In alto c’è la strip in dimensione un pochino più grande rispetto a quella visibile su uW ma senza colori e lettering, solo le ombre. Qui a fianco invece ho deciso di regalarvi il nuovo Skaarj Trooper a colori in quanto la dimensione della strip non è molto clemente con i dettagli.

Spargete la voce su uWarfare se potete! Condividete, sharate, piùunate, pinterestate, twittate e chi più ne ha più metta. Se vi và ovviamente :)